Vivere Ischia da Ischitano: i segreti dell’Isola Verde

 

 

 

public_hires_mezzatorre_124-1

Non si può dire di aver visto un posto se non lo vivi esattamente come chi ci è nato e cresciuto. Respirare a pieni polmoni Ischia e le sue tradizioni non è semplice, ma capiamo come fare svelando qualche piccolo segreto!

Essere in vacanza, fare i turisti, liberarsi dalla routine, insomma, è forse uno dei momenti che più si ricerca durante l’anno. Ma “viaggiare”, immergersi in un luogo, scoprirne l’intensità di ogni sfumatura, beh, questa è un’altra storia!
E l’isola di Ischia è uno di quei luoghi che forse sono troppo spesso associati ad un turismo di settore, nel nostro caso, quasi esclusivamente balneare e termale. Che il mare e le sue insenature e l’impianto termale naturale che quest’isola offre, siano i suoi fiori all’occhiello è fuori discussione; ma scoprire il background e la storia di questi luoghi, il dietro le quinte della vita quotidiana di chi ad Ischia ci è nato e ci vive, riserva risvolti ancor più intriganti.

Qualcuno diceva che su quest’isola “si canta, si beve e si fischia”.
E “mille altre cose” aggiungeremmo noi!
Avete mai immaginato di cuocere un polletto al cartoccio, o delle patate novelle sotto la sabbia e poi mangiarli magari dopo aver fatto delle benefiche sabbiature naturali? Il tutto magari al chiaro di luna?
A Ischia si può!

Basta raggiungere la Spiaggia delle Fumarole, poco distante dalla più nota località di Sant’Angelo. In questa zona, da sotto la sabbia e le rocce fuoriescono “le fumarole”, vapori acquei di origine vulcanica che si fanno strada nelle fenditure del suolo, in prossimità di vulcani ancora attivi o comunque spenti da poco.
Scavate di poco sotto la sabbia (attenzione a non scottarvi! Le temperature arrivano fino a 100°!) posizionando i vostri alimenti e ricoprendoli di sabbia bollente, sfrutterete questa fonte di energia completamente naturale, per gustare un pranzo, o cena, davvero unici! Ps. Non dimenticate di legare un cordoncino alle pietanze per ritrovarle sotto la sabbia!
Se magari al pollo preferite del pesce fresco, non dimenticate che siete su un’isola.

Al porto di Forio, o anche a quello di Lacco Ameno, se riuscite a svegliarvi di buon’ ora non sarà difficile incontrare qualche gentile pescatore che saprà deliziarvi con del pescato fresco fresco.
Ma se davvero volete immergervi in una realtà d’incanto, un luogo ancora sconosciuto persino a molti ischitani, un paradiso di tradizioni e di scorci panoramici mozzafiato, non c’è possibilità di errore: metterete a dura prova i quadricipiti ma arrivando a Piano Liguori, penserete che ne sia valsa davvero la pena. Un borgo rurale, immerso nelle coraggiose coltivazioni a terrazzamenti, dove il tempo sembra essersi fermato. Circondati da viti, carciofi in fiore, pomodori o fave a seconda della stagione, una bruschetta e un bicchiere di vino rigorosamente a km0, vi sembreranno la cosa più emozionante che abbiate mai assaporato. E probabilmente lo sarà davvero, perchè la suggestione che può regalare questo posto d’incanto è davvero indescrivibile.

Sembrerà strano, anacronistico forse, ma l’appeal e il fascino di certi posti sta proprio nel fatto che riescano a conservare intatto, il luogo puro che quest’isola era, è stata e forse continua ad essere, solo che è nascosta dietro la frenesia del XXI secolo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Contact & booking
Regala un'esperienza
logo
Mezzatorre Resort & SPA
Via Mezzatorre, 23 · 80075 Forio d'Ischia (Na) Italia
Tel. +39 081986111 · Fax +39 081986015 · [email protected]
P.IVA: 03401530633
  • qt
  • jdb
  • etg
  • cj
  • lhw
  • virtuoso
  • splendia
  • cj
  • ah